Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

  • : Urban Pvs esperienze urbane in paesi in via di sviluppo Come sono le città nei Paesi del Terzo Mondo? Come sono organizzate? Quali sono le problematiche? Come vengono affrontate? Questo blog vuole essere uno spazio dedicato a quanti si occupano e si interessano dei problemi urbani e sociali nei paesi in via di sviluppo.
  • Contatti

Come sono le città nei Paesi del Terzo Mondo? Come sono organizzate?

Quali sono le problematiche? Come vengono affrontate?
Questo blog vuole essere uno spazio dedicato a quanti si occupano e si interessano dei problemi urbani e sociali nei paesi in via di sviluppo.


Cerca

Scarica il libro!!!

28 gennaio 2012 6 28 /01 /gennaio /2012 15:52

E’ ormai terminata la prima parte della costruzione di una parte  del nuovo modellino in scala 1:1000 della città di Addis Abeba. L’intero modello della capitale etiope dovrebbe raggiungere i 36 m di lato, secondo quanto previsto dall'Urban Planning Institute che lo ha progettato,  per questo si è operativamente deciso di procedere per parti nella realizzazione.  Il modellino della capitale ad una scala così grande dovrebbe servire, almeno negli intenti dei promotori, come strumento per la progettazione urbana e per simulare  l’inserimento nel contesto dei progetti di nuove costruzioni.

addis abeba model
La realizzazione del modellino è stata appaltata  all'Istituto di Architettura di gestione, Edilizia e Costruzioni (EiABC) insieme al progetto di revisione dei Regolamenti Edilizi e alla Valutazione del Master Plan di Addis Abeba, per un costo di 1,3 milioni di Birr.
Questa prima parte è grande 79 mq, organizzata in 98 tavole quadrate di 90 cm di lato, e rappresenta le aree che vanno da CMC,  compresa Piassa, fino a Gottera. Il modello è stato realizzato in compensato utilizzando una macchina a taglio laser acquistata appositamente (40.000 dollari).
Ora però non si sa dove mettere questo modello in quanto la città non ha un posto sufficientemente grande per ospitarlo. Inizialmente si era ipotizzato di suddividere i modellini in parti coincidenti con i differenti distretti amministrativi della città, ma questa suddivisione, anche se semplificava la gestione, era incompatibile con la fisica realizzazione del modello in quanto i confini amministrativi non sono regolari ma seguono l’orografia del luogo.

 

link

Condividi post

Repost0

commenti