Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

  • : Urban Pvs esperienze urbane in paesi in via di sviluppo Come sono le città nei Paesi del Terzo Mondo? Come sono organizzate? Quali sono le problematiche? Come vengono affrontate? Questo blog vuole essere uno spazio dedicato a quanti si occupano e si interessano dei problemi urbani e sociali nei paesi in via di sviluppo.
  • Contatti

Come sono le città nei Paesi del Terzo Mondo? Come sono organizzate?

Quali sono le problematiche? Come vengono affrontate?
Questo blog vuole essere uno spazio dedicato a quanti si occupano e si interessano dei problemi urbani e sociali nei paesi in via di sviluppo.


Cerca

Scarica il libro!!!

10 febbraio 2011 4 10 /02 /febbraio /2011 15:08

guardate la nuova canzone su mekelle!!!!

 

 


 

Condividi post

Repost0
3 aprile 2010 6 03 /04 /aprile /2010 15:41

Ogni  venerdì, presso il cimitero della città di Omdurman, prima del tramonto, si svolge la cerimonia religiosa guidata dal gruppo dei sufisti. Si tratta di una funzione religiosa particolarmente interessante e suggestiva.

 

DSC01405

 

Chi sono i sufisti?

 

I Sufisti presentano se`stessi come un’antica forma di сconfraternita la cui origine si perde nel tempo.

Spesso sono considerati una setta mussulmana. In verità non sono precisamente una setta, in quanto non si definiscono in base a particolari principi di appartenenza religiosa, né danno vita di per sé a particolari forme di culto o a specifiche forme di convivenza di tipo monastico. Li unisce soprattutto un metodo di ricerca spirituale basato proprio sul rifiuto di ogni presunto dogmatismo e sul tentativo di cercare la verità nascosta in ogni religione.

Proprio  per questo è anche riduttivo definirli mussulmani in quanto pur vivendo in una area culturale segnata dall’Islam hanno sempre di fatto, anche in un modo conflittuale con l’Islam, rivendicato una loro strada particolare nella ricerca della Verità.

(www.catholic-kazakhstan.org)

 

DSC01400DSC01422

 

Chi ha la possibilità di partecipare fin da prima dell’inizio della cerimonia vera e propria potrà rendersi subito conto che per i sudanesi essa rappresenta un vero e proprio momento di incontro e di vita sociale. La funzione religiosa viene guidata dagli adepti del sufismo, attraverso l’uso di litanie e di danze. Tutti i presenti sono coinvolti in un crescendo del canto religioso per facilitare la preghiera a Dio. Agli occhi dei turisti ne risulta un clima molto suggestivo.

 

Sicuramente la cerimonia dei dervishi è un ottimo esempio di come l’idea di preghiera comunitaria possa racchiudere in sé molteplici significati cambiando da luogo a luogo, da religione a religione. Inoltre fa riflettere il fatto che la funzione abbia luogo all’interno di un cimitero, basti pensiamo a quello che sono e rappresentano nella nostra cultura i cimiteri, i luoghi del silenzio per eccellenza.

 

 

Per saperne di più sui Sufi

Condividi post

Repost0
8 dicembre 2009 2 08 /12 /dicembre /2009 13:48

Nei primi tempi dell'espansione islamica, la pianta schematica di una moschea consta di un grande cortile di forma rettangolare, in cui, al centro, sorge una fontana, destinata alle abluzioni dei fedeli. Intorno al cortile corre un porticato semplice o multiplo, coperto con un tetto o con una caratteristica serie di cupolette. Sul lato del rettangolo perpendicolare alla direzione in cui si trova La Mecca c'e' una nicchia (mihrab) che indica la direzione della preghiera.

Alla destra della "nicchia direzionale", molto rialzato dal pavimento, c'e' una scala che porta ad un podio con sedile (minbar), da cui il predicatore (muezzin) fa la predica ai fedeli. Ogni moschea, poi, ha uno o più minareti. Il minareto (che significa “torre lucente”) è la caratteristica torre della moschea che presenta sulla sommità una terrazza sporgente dalla quale il muezzin invita i fedeli alla preghiera; di solito e' unito a coppie, ma, sovente, nelle moschee se ne hanno più di due. La posizione originaria era sull'asse della navata e sul lato del cortile opposto a quello in cui era ricavato il "mihrab", successivamente vennero posti sugli angoli del cortile, oppure ai lati del portale per accentuarne la posizione e la monumentalità.

 

In tempi successivi la moschea si caratterizza in forma di grande sala delle preghiere, ricoperta a tetto, a volta, a cupola e, qualche volta, il muro esterno di recinzione e' fortificato per la difesa dei fedeli, in caso di attacchi nemici.

Intorno all'anno 1000 dell'e.v. gli architetti musulmani introdussero la costruzione in mattoni. Le prime moschee edificate con il mattone vennero realizzate in oriente, dove fu usato l'arco a sesto acuto ed in un secondo momento si comincio' a costruire in occidente, dove divennero caratteristici l'arco a pieno centro e quello a ferro di cavallo. Dopo il 1000, nell'era dominata dai Turchi, la moschea incomincia ad essere progettata e realizzata come edificio a composizione, culminante in una grande cupola, costruita sopra la sala centrale piramidale.

 

La scelta della copertura a cupola è dettata da esigenze pratiche, per via della scarsità di legname in queste zone desertiche, e da motivi simbolici: la convergenza in un unico punto (accentuata nel caso della tipica copertura islamica della volta con la punta) rappresenta l'anelito del fedele verso l'unità divina (tawhid). Spesso alla base della cupola si trova un tamburo ottagonale: forma scelta in quanto storicamente ritenuta perfetta per la sua inscrivibilità in un cerchio e in un quadrato.

 

per altre informazioni:

http://www.sufi.it/Islam/moschea.htm

http://spazioinwind.libero.it/popoli_antichi/Religioni/moschea.html

Condividi post

Repost0
17 ottobre 2009 6 17 /10 /ottobre /2009 11:22
Dopo una lunga attesa per problemi burocratici per il rilascio dei visti per entrare in Sudan, finalmente il 13 ottobre, insieme alla mia famiglia, siamo riusciti a mettere piede a Khartoum.

Il primo impatto è con una città molto calda, polverosa e caotica.

Come sempre accade quando si arriva in una nuova grande città africana si è sempre un pò disorientati, tutto è nuovo, non si hanno più riferimenti a partire dalle cose più semplici, quindi ci vuole un pò di pazienza e di tempo per prenderci le misure.

Piano piano cercherò di capire la cultura e scoprire la città.

Condividi post

Repost0