Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

  • : Urban Pvs esperienze urbane in paesi in via di sviluppo Come sono le città nei Paesi del Terzo Mondo? Come sono organizzate? Quali sono le problematiche? Come vengono affrontate? Questo blog vuole essere uno spazio dedicato a quanti si occupano e si interessano dei problemi urbani e sociali nei paesi in via di sviluppo.
  • Contatti

Come sono le città nei Paesi del Terzo Mondo? Come sono organizzate?

Quali sono le problematiche? Come vengono affrontate?
Questo blog vuole essere uno spazio dedicato a quanti si occupano e si interessano dei problemi urbani e sociali nei paesi in via di sviluppo.


Cerca

Scarica il libro!!!

24 febbraio 2011 4 24 /02 /febbraio /2011 09:47

Che il modello di vita occidentale non funziona non sono la prima a sostenerlo. In tanti si sono resi conto che "così non va". Troppe ingiustizie, troppa nevrosi, troppe patologie e troppa infelicità. Il modello consumistico del lavorare, "correre", affannarsi per accumulare, acquistare, consumare e gettare non è un modello sostenibile. Ma non solo per le tematiche ambientali, come spesso siamo soliti sentirci dire. Non è un modello "umanamente" sostenibile. Ci distrugge come uomini. Ci impedisce le relazioni (..non c'è tempo). Ci porta dallo psicologo, perchè ci aumenta le insoddisfazioni e le nevrosi.

E' noto che più ha e più vorrebbe avere entrando in un vortice di bisogni difficile da soddisfare e da appagare.

Mi colpì poco tempo fa quando lessi di un'attrice holliwoodiana che desiderava venire a lavorare nel Bel Paese perchè noi abbiamo un altro "ritmo", tempi di vita più lenti, più umani. Mi ha stupito perchè io ritengo che anche i nostri "tempi" sono tutt'altro che sostenibili. Io guardo a Paesi, come quelli africani, per l'equilibrio sano che sono riusciti a conservare (nonostante i nostri "insegnamenti") nella gestione delle tempistiche delle loro vite. Loro, gli africani intendo, hanno un approccio alla vita che noi facciamo fatica a comprendere, spesso. Non voglio qui parlare dei problemi della fame nel mondo e della povertà dei popoli dei Paesi cosiddetti "in via di sviluppo" (questioni note a tutti, almeno superficialmente). Voglio invece provare a descrivere il loro modo di affrontare la vita quotidiana, per quello che le mie brevi e limitate esperienze nelle loro terre, mi hanno dato modo di comprendere.

Se cammini per le strade di Khartoum, ma anche in quelle di Mekelle o di Addis Abeba, devi stare attento a schivare l'immondizia e la sporcizia abbandonata sui marciapiedi, nei parchi, nei letti dei torrenti in secca, ovunque. Perchè non puliscono? Ci vorrebbe tanto poco a tenere pulito... E' questa la prima reazione degli "occidentali".

Per strada incontri tanti ragazzi seduti, apparentemente, senza far nulla. Perchè non si rimboccano le maniche e non iniziano a "darsi da fare"?

Perchè? Non lo so.

Di problemi ne hanno tanti (certo che anche "noi" non ne abbiamo certo pochi!), pero' ho l'impressione (non ho dati in merito) che in quei Paesi gli psicologi lavorino poco (non ho niente di personale contro gli psicologi!).

Credo che la capacità di sapersi accontentare di poco, saper gioire delle piccole cose, la semplicità di cuore... siano aspetti che noi, frenetico e sviluppato popolo occidentale, abbiamo perso. Credo che la vera ricchezza (e il vero sviluppo?) sia racchiusa in questa capacità.

Con soddisfazione e immenso piacere navigando nel web, ma anche sulle pagine patinate, trovo tante e variegate persone che, partendo da differenti esigenze (ambientaliste, economiche, religiose, etiche...), tentano di proporre un ritorno alla semplicità. In questa direzione dovrebbe essere il nuovo libro di Antonio Gualdo "Basta poco" (bello anche il suo sito: http://www.nonsprecare.it/pensieriforti/desiderare-di-meno.html), e anche il sito wikihow.com che teorizza ("how to simplify your life") la semplificazione della propria vita proponendo un manuale ad hoc.

Sicuramente il motore principale che spinge a fare queste riflessioni sullo stile di vita è questa grande crisi economica in cui siamo immersi, ma chissà che non ne esca qualche cosa di buono per tutti ( e non solo per le banche!). Forse abbiamo finalmente capito che "qualità della vita" non significa per forza una vita più facile e più completa di ogni sorta di gadget e di oggetto, ma forse una vita più vera e più piena di valori e di quelle cose che contano.

Condividi post
Repost0

commenti